Indietro
menu
Provincia Scuola

Nasce (con qualche spina ...) la Conferenza paritetica

In foto: Martedì 28 maggio, con convocazione all'Hotel Le Meridien di Rimini, verrà sottoscritto l'accordo provinciale "Per la concertazione ed il coordinamento degli interventi connessi al sistema scolastico e formativo": un tavolo di confronto provinciale che vede riuniti sindaci e dirigenti scolastici,
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 24 mag 2002 12:52 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

ed esprime il lavoro di tavoli territoriali. Il tavolo di coordinamento nasce per coordinare gli enti locali e il sistema scolastico nel nuovo tempo dell’autonomia: “il tavolo interistituzionale”sarà coordinata a livello provinciale, ed è stata presentato oggi dall’assessore alla scuola Massimo Pironi e la Dirigente del centro servizi amministrativi di Rimini, Lucrezia Stellacci. L’assessore Pironi ha sottolineato come l’accordo fra le istituzioni, specialmente in vista dell’autonomia scolastica, sia uno strumento utile per “lavorare bene e integrare meglio le politiche scolastiche”.
Non a tutti però l’idea di un coordinamento è andato subito a genio: Pironi e la Stellacci hanno raccontato un percorso non facile per giungere all’accordo, soprattutto perché alcuni dirigenti scolastici hanno manifestato resistenza all’idea, temendo di perdere potere decisionale sull’autonomia. La Dirigente Stellacci ha però ribadito come la tavola di confronto non limiterà le autonomie singole, e sarà invece uno strumento utile per ovviare invece a problemi di coordinamento: le molte iscrizioni che hanno costretto al sorteggio il Liceo “Einstein” per mancanza di possibilità di rispondere a tutte, potevano essere gestite meglio, se coordinate insieme al Liceo scientifico Serpieri. Insomma l’unione fa la forza, sostiene Lucrezia Stellacci: come nel caso del bando provinciale per l’informatizzazione delle scuole superiori e quelli comunali per gli altri ordini di scuole; divisi per scuola, la Regione avrebbe distribuito 13 milioni a istituto; con un bando complessivo, le spese si sono ridotte, e le scuole hanno un progetto informatico efficiente.
L’assessore Pironi.

Notizie correlate
di Redazione