Indietro
menu
Politica Provincia

Il resoconto della seduta consiliare di ieri

In foto: Il resoconto della seduta di ieri del Consiglio Provinciale di Rimini a cura dell'Ufficio Stampa della Provinci:
www.provincia.rimini.it
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 28 mag 2002 11:29 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il consiglio provinciale di ieri è stato dedicato, quasi interamente, a interpellanze e interrogazioni.
Maria Laura Angelotti (capogruppo Movimento Politico Forza Italia) ha presentato un’interrogazione sull’oasi di protezione della fauna di Torriana – Montebello, “in merito alla protezione delle colture agricole all’interno dell’oasi e alle modalità di gestione delle stesse”. L’assessore all’agricoltura Massimo Foschi risponderà nel prossimo consiglio.
Tre le interpellanze proposte dalla consigliera Maria Flora Fabbri (Movimento Politico Forza Italia): una sul porto di Riccione, inagibile per insabbiamento da più di un mese; due sulla viabilità. La prima (rubricata al punto 4 dell’ordine del giorno), richiama la giunta a un’azione sussidiaria nei confronti del comune di Rimini, affinché l’incrocio tra la SS 16 e via Variasco possa essere risolto prima dell’inizio dei sette cantieri Anas. La seconda, relativa ai lavori per la nuova statale 16, chiede “che venga redatta una tabella cronologica di ciò che la Provincia ha fatto e dovrà fare a proposito del progetto esecutivo della nuova SS 16”.
Il vicepresidente Maurizio Taormina risponderà, in un prossimo Consiglio, a entrambe le interpellanze e all’interrogazione presentata da Claudio di Lorenzo (Capogruppo Alleanza Nazionale), “relativa ai lavori di riqualificazione e arredo urbano, strada provinciale 31, via Marano di Coriano”.
Altre interrogazioni (Vincenzo Mirra, Forza Italia, e Maria Laura Angelotti, capogruppo Movimento Politico Forza Italia) hanno avuto come oggetto le recenti elezioni del Consiglio dei rappresentanti degli Immigrati della provincia di Rimini
. Il presidente Ferdinando Fabbri ha ricordato che l’insediamento del Consiglio degli Immigrati avverrà entro la prima decade di giugno, in quell’occasione, i neo-eletti verranno presentati ufficialmente al Consiglio Provinciale, ai sindaci della provincia, agli esponenti del mondo associazionistico e imprenditoriale. Fabbri ha inoltre ricordato come, nel neonato consiglio, tutte le componenti dell’immigrazione siano rappresentate in modo eterogeneo.
Il consigliere Vincenzo Mirra (Forza Italia) ha presentato un’interrogazione sulla struttura dell’Ospedale Infermi di Rimini per le cure di riabilitazione (riceverà risposta in un prossimo Consiglio).
L’interrogazione presentata dal capogruppo Forza Italia Alberto Gnoli “relativa allo stato degli appalti dei bar interni alle scuole medie superiori” ha ricevuto risposta ‘tecnica’ tramite la dirigente provinciale Isabella Magnani (Servizio Legale Contratti): “L’Amministrazione è in attesa dei documenti necessari per procedere con asta di evidenza pubblica. Al momento, solo l’Istituto Geometri “Belluzzi” ha consegnato le certificazioni necessarie. In mancanza di tale documentazione, neppure i dirigenti scolastici possono farsi carico delle procedure d’appalto.”
In risposta all’interrogazione presentata dal capogruppo di Alleanza Nazionale Claudio di Lorenzo “sulla vendita dell’immobile di piazzale Bornaccini”, il presidente Fabbri ha ricordato come sia ferma volontà dell’Amministrazione Provinciale ‘pensare’ al futuro dell’ente sulla base delle due sedi di Corso d’Augusto e Via Dario Campana, “ma – ha precisato Fabbri – le necessità della Provincia non sono più quelle dell’ormai lontano ’98. Ci sono ancora novecento metri di terreno edificabile nell’area di Via Dario Campana, e – a giorni – presenteremo una proposta ai capigruppo. Per altri due o tre anni, però, saremo costretti a confermare parte della precedente dotazione.”

Approvato a maggioranza (astenuta la minoranza consiliare) l'”integazione dell’accordo fra ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna, la Provincia di Rimini, i comuni e le istituzioni scolastiche della provincia per la concertazione e il coordinamento degli interventi connessi al sistema scolastico e formativo.”
“L’organismo che andiamo a costituire – ha illustrato l’assessore alla Scuola Massimo Pironi – è una commissione paritetica, agile e pronta, caso per caso, ad agire senza sovraccarichi burocratici. Non verranno creati dei ‘tavoli’ fissi.”

Approvato, infine, all’unanimità, l’ordine del giorno proposto dal presidente del Consiglio Adriana Neri “sul rispetto delle risoluzioni delle Nazioni Unite sul referendum di autodeterminazione del popolo Saharawi”