mercoledì 20 febbraio 2019
In foto: Solo tremila lavoratori immigrati, a fronte dei 4.500 dello scorso anno, e della richiesta di poterne impiegare quest’anno ottomila: gli operatori turistici dell’Emilia Romagna si schierano contro il Ministero del Lavoro, a loro parere, troppo stretto di manica nel concedere i permessi di lavoro per gli extracomunitari.
di    
lettura: 1 minuto
ven 1 mar 2002 17:01 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Secondo il Presidente di Confturismo di Confcommercio, Terenzio Medri, che scrive una lettere al Presidente della Regione, Vasco Errani, “La situazione prefigura un quadro molto preoccupante sotto il profilo occupazionale e di ordine pubblico; gli imprenditori turistici si sono da sempre contraddistinti per organizzazione, professionalità, efficienza; mancando personale, si verificherebbe una caduta d’immagine con sicure ripercussioni economiche”. Secondo la suddivisione dei tremila lavoratori, compiuta dalla Direzione regionale del lavoro, a Rimini ne arriverebbero duecento.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi
di Icaro Sport
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna