mercoledì 12 dicembre 2018
In foto: Anche senza arrivare agli insulti, vedi i litigi col trio Medusa delle Iene, i rapporti tra Vittorio Sgarbi e Rimini non sono mai stati felici. E non solo per questioni artistiche:
di    
lettura: 2 minuti
mer 6 mar 2002 11:47 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min 16
Print Friendly, PDF & Email

lo scorso giugno Sgarbi dovette rispondere davanti al giudice di Firenze all’accusa di diffamazione nei confronti di due magistrati riminesi. Il fatto risaliva ad una puntata di ‘Sgarbi Quotidiani’ del 95; si parlava delle acquisizioni delle cartelle cliniche di Vincenzo Muccioli, e l’udienza si concluse con un rinvio degli atti alla Procura.
Ma è a luglio che Sgarbi si scatena: prima in un’intervista al quotidiano “La Stampa” inserisce il Duomo di Rimini tra i 10 orrori culturali d’Italia.
Poi, il 9 luglio, la visita al Tempio Malatestiano con giudizi senza mezzi termini: il nuovo altare, assolutamente da spostare, è “una ceramica da bidet” . Troppo chiassosi poi i colori dei restauri, ed un brutto “effetto gesso” per alcune delle statue.
La Diocesi replica: “Il Duomo è stato restaurato correttamente e seguendo l’iter concordato con la Soprintendenza di Ravenna”; ma Sgarbi ce l’ha un po’ con tutto: bruttissimo, a suo parere, anche il nuovo arredo di piazza Tre Martiri, e inutili le ‘finestre’ che si aprono nella pavimentazione per lasciare spazio all’antica strada romana; da riaprire la diga che blocca l’invaso sotto il ponte di Tiberio e, dulcis in fundo, “un orrore” l’anfiteatro e infelice la sua collocazione a causa della presenza dell’asilo svizzero.
A fine luglio Sgarbi si scusa con la Diocesi di Rimini, ma non cambia idea sulla necessità di modifiche, e il 19 agosto al Meeting torna a tuonare sull’altare del Duomo; concetto ribadito con forza anche a ottobre in occasione del Pio Manzù.
Intanto a settembre anche l’Ordine degli Architetti riminesi attacca il sottosegretario: a farli arrabbiare l’affermazione “la dittatura degli architetti è un male peggiore dell’AIDS”.
Il 21 febbraio il sindaco di Rimini Ravaioli, ospite di Radio Icaro, aveva detto “Lo ritengo un professionista preparato e intelligente, e perciò da lui mi aspetto affermazioni intelligenti”. Chissà se dopo l’incontro di ieri il giudizio è rimasto lo stesso.

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
Rimini Rimini Social

Una mostra blu, blu, blu

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO