mercoledì 20 febbraio 2019
In foto: Si è spento questa notte, a ottant’anni, Duilio Bianchini, indimenticabile campione di pugilato. Sarebbe anche potuto diventare il numero uno al mondo se la sua carriera non fosse stata spezzata dalla seconda guerra mondiale.
di    
lettura: 1 minuto
mar 12 mar 2002 17:45 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Campione Europeo Dilettanti, oltre 350 incontri tra dilettanti e professionisti, Duilio Bianchini era una leggenda, un avversario temuto e rispettato per le sue grandi doti da incassatore e un pugno che non lasciava scampo.
Tra i dilettanti, nell’80% dei circa trecento incontri disputati i suoi avversari si arresero prima del limite. Poi sette lunghi anni di inattività, causa la guerra, quindi il passaggio tra i pro, con un’altra cinquantina di match disputati. Il momento topico nel ’42: a Breslavia Bianchini prima spedì al tappeto lo spagnolo Calpe, meglio conosciuto come “l’assassino del ring”, poi, in semifinale, non lasciò scampo al tedesco Carr.
La finale, con un altro italiano, il pescarese Tiberi, non fu neanche disputata: era troppa la superiorità del 20enne Bianchini, che aveva già battuto nettamente Tiberi a Roma. I dirigenti della nazionale preferirono così non far disputare l’incontro e assegnare l’oro al pugile riminese.
Abbiamo chiesto un ricordo ad Elio Ghelfi, un altro grande della boxe nostrana che a Duilio Bianchini ha anche dedicato alcune pagine del suo libro sulla storia del pugilato riminese.

Altre notizie
di Icaro Sport
Il Rimini torna a viaggiare

Sudtirol-Rimini, la biglietteria

di Icaro Sport
Notizie correlate
di Icaro Sport
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna