martedì 11 dicembre 2018
In foto: In un'interpellanza il capogruppo dei Ds Sergio Gambini (nella foto) in commissione Attività produttive chiede al ministro competente di dare conto dei criteri e delle modalità per il rinnovo delle cariche dell'Enit:
di    
lettura: 1 minuto
ven 8 mar 2002 17:39 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 9
Print Friendly, PDF & Email

“”Una vera e propria occupazione di potere, un colpo di mano in barba alle Regioni, cui è delegato il turismo e al tessuto imprenditoriale italiano”. Non c’è pace per l’Enit, l’ente di promozione turistica italiano, alle prese, secondo quanto trapelato alla stampa specialistica, con un rinnovo dei vertici tutto improntato alla lottizzazione e non proiettato al sostegno del turismo italiano -si legge in una nota -. “Prima i tagli al budget, previsti dalla finanziaria 2002 e sventati grazie ai nostri emendamenti – ricorda Gambini – ora la cupa ombra di un rinnovo decisamente al di fuori degli interessi del settore turistico italiano.
La stagione 2002, già difficile per la grave crisi internazionale nata dall’11 settembre, non ha decisamente santi a palazzo Chigi”. Secondo le anticipazioni riportate dalla stampa specializzata, l’Esecutivo avrebbe già individuato presidente ed esperti del cda, “secondo una esclusiva logica di parte anche in un ente, come l’Enit, da sempre gestito secondo criteri pluralistici fondati sulla partecipazione delle categorie, delle regioni e delle diverse competenti politiche e culturali”.
Per Gambini si rinnova la sfida “alle Regioni, dopo che il nuovo statuto dell’Enit è stato approvato senza attivare la Conferenza Stato – Regioni, sollevando la protesta di queste ultime, cui compete, dopo la riforma del titolo V della Costituzione, la materia turistica. L’Ente Nazionale Italiano per il turismo da anni attende una riforma in grado di renderlo più efficiente ed adeguato alle sempre crescenti esigenze di promozione del turismo italiano.
Viene invece aggredito da pratiche spartitorie dei partiti della maggioranza che ne umiliano la storia e ne danneggiano ulteriormente l’immagine e le capacità di innovazione.”

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO