domenica 16 dicembre 2018
In foto: Il Teatro Ermete Novelli di Rimini (via Cappellini, 3) ospita inoltre lunedì, martedì e mercoledì, alle 21 (Turni A, B e C, in abbonamento) lo spettacolo "Don Camillo e il signor Sindaco Peppone", con Ivano Marescotti (nella foto) e Vito e con Umberto Bortolani, tratto da Giovanni Guareschi (adattamento di Francesco Freyrie) per la regia di Lorenzo Salveti:
di    
lettura: 1 minuto
sab 2 mar 2002 15:24 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

la Pianura di Guareschi è un poema epico, ciclo-cavalleresco, è lo scontro
tra occidente e oriente quando ancora occidente e oriente facevano parte di
un unico continente e anche gli avversari sono uno l’altra faccia
dell’altro, fanno parte dello stesso corpo.
Perché tutto quello che
Guareschi racconta è ambientato prima della cacciata dell’uomo dal paradiso
terrestre. Gli estremi non sono ancora divisi. Spingono, scalciano, ma
vincono ancora nell’innocenza. Fuori dal paradiso terrestre invece, oltre
quel cordone di nebbia c’é il Peccato, le città: i costumi, la politica, le
donne, persino le biciclette di città sono viste da Guareschi con profondo e
sincero orrore. La città è il progresso mentre il paese è civiltà, amava
scrivere.
E “Don Camillo e il Signor sindaco Peppone” vuole raccontare proprio questo,
piccole storie di civiltà. Niente effetti speciali, niente draghi meccanici,
casomai i milioni di maiali che di questa terra sono gli elfi, il segno del
fantastico, il ridicolo, la tragicommedia. E i Cristiani e gli Infedeli, che
quando non sono occupati a depositare sberle, depositano sulle tavole dei
matrimoni e delle feste di partito quintali di cibo. Insomma, un poema epico
e anche un po’ biblico quello di Camillo (Vito) e Peppone (Marescotti) che
sbarca a teatro, una battaglia all’ultimo dispetto che piacerebbe tanto a
Tom e Jerry dove tutti prendono democraticamente la parola, anche i
crocefissi, in un ribollire di sentimenti che è forse l’unica, vera causa
dell’afa che affligge la terra d’Emilia. Questa minuscola, civilissima
epicità si cercherà di portare in scena, rispettando l’umanità dei racconti
e delle sceneggiature di Guareschi e tutto quello che di Camillo e Peppone
ci portiamo orgogliosamente dentro.
I biglietti sono disponibili alla biglietteria del Teatro Ermete Novelli di
Rimini (via Cappellini, 3) dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 14.
Per informazioni: tel. 0541.24152 (Teatro Novelli), 0541.51351 – 0541.23847
(Ufficio Teatro).

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna