sabato 15 dicembre 2018
In foto: Una ''discarica a cielo aperto'': questo era diventato il camping ''Oasi'' di Coriano per la Guardia di Finanza di Rimini che lo ha posto sotto sequestro. Dal '93 al 2000 il camping ha ospitato per fini umanitari cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia:
di    
lettura: 1 minuto
mer 27 feb 2002 12:17 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 92
Print Friendly, PDF & Email

gli uomini del Nucleo di Polizia Ambientale della
Stazione navale hanno segnalato al giudice il responsabile del campeggio per violazione delle norme sullo smaltimento dei rifiuti.
La struttura – 23.500 metri quadrati gestiti con l’aiuto di associazioni umanitarie e della Protezione Civile con il dono di alcune roulottes – era in stato di abbandono e piena di rifiuti: 25 roulottes distrutte, 4 immobili, 12 bombole di gpl, 25 elettrodomestici abbandonati, 7 motori di autoveicoli e altro.
La struttura ospitava ancora un piccolo numero di extracomunitari, accampati in locali non idonei. Le indagini continuano alla ricerca di altri eventuali responsabili del degrado.

Altre notizie
Al circolo ippico di San Patrignano

Caduta da cavallo, ferita ragazzina di 16 anni

di Andrea Polazzi
di Andrea Polazzi
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna