domenica 26 maggio 2019
In foto: Teatri & Musiche ospita, in anteprima nazionale, Ombre Rosse (studio avanzato) di e con Marco Cavicchioli, per la regia di Giampiero Solari, in programma al Teatro del Mare di Riccione (viale Ceccarini 163, angolo Via Don Minzoni) sabato alle ore 21.15, nella sezione Una certa Romagna + Emilia:
di    
lettura: 2 minuti
gio 21 feb 2002 16:14 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

lo spettacolo Ombre Rosse -Parte Prima è la seconda tappa di un’idea che
nell’agosto 2001 ha iniziato il suo corso al Festival di Montalcino. Si
tratta di una rappresentazione in itinere dove numerosi testi, scritti sulla
base dell’intreccio costruito dagli autori, vengono scelti, valutati,
adattati e portati sul palcoscenico.
Questa rappresentazione “dilatata” nel
tempo vuole stare a significare proprio la complessità del lavoro di
raccolta e di trasposizione drammatica dei racconti che nell’arco di due
anni sono giunti agli autori di Ombre Rosse – Parte Prima.
Lo spettacolo nasce da un’idea dell’attore Marco Cavicchioli e del
giornalista-scrittore Andrea Schianchi che hanno avuto il comune desiderio
di portare alla luce e mettere in scena le storie tragiche e buffe,
romantiche e malinconiche di un secolo di comunismo. Da Lenin a Trotzkij, da
Che Guevara e Mao Tse Tung, da Gramsci a Stalin, dai gulag alle rivolte
studentesche: frammenti di un mondo e di un’ideologia che sembra essere
svanita come una bolla di sapone, lasciando sul campo morti e feriti,
voltagabbana e revisionisti.
Ombre Rosse -Parte Prima si avvale della consulenza e supervisione artistica
del regista Giampiero Solari, che curerà la regia della versione definitiva
di Ombre Rosse, pronta entro l’estate. Sul palco Marco Cavicchioli è
affiancato dalla fisarmonicista Patrizia Angeloni, la cui musica sarà
co-protagonista nella rappresentazione, in cui verranno portati in scena il
dramma di Garcia Lorca davanti al plotone di esecuzione e la follia
dell’uomo che ha ammazzato Che Guevara, la struggente malinconia di un
anziano compagno che vede cambiare il nome del PCI e la rabbia e la vergogna
provata di fronte all’instaurazione della dittatura di Pinochet in Cile, il
lungo elenco di un personaggio che ha conosciuto tutti i bolscevichi e li
racconta così come li ricorda, un monologo di Esenin e una satira sul
significato di che cosa il comunismo ha lasciato nell’animo della gente.
I testi sono stati scritti da Andrea Schianchi, Marco Cavicchioli, Michele
Serra, Marcello Fois e Massimo Carlotto, più un brano tratto dalle opere di
Pablo Neruda.
I biglietti per lo spettacolo sono disponibili in prevendita a:
Riccione: Righetti Strumenti Musicali -via Castrocaro, 33 (tel. 0541/646000)
Rimini: Il giardino dei libri -Corso d’Augusto 146 (tel. 0541/23765)
o nel giorno dello spettacolo alla biglietteria del Teatro del Mare (tel.
0541.690904, solo nei giorni di rappresentazione), dalle ore 10 alle ore 13
e dalle ore 16 in poi. É possibile anche prenotare telefonicamente allo
0541.55000.
Per informazioni: Teatro degli Dei (tel. 0541/55000 fax 0541/55888
deglidei@infotel.it), Assessorato alla Cultura del Comune di Riccione (tel.
0541/608283 -608285, dalle ore 8.30 alle ore 13.30).

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna