lunedì 17 dicembre 2018
In foto: E’ ancora piena di dubbi la morte del giovane senegalese che all’alba di ieri si è introdotto all’interno di una abitazione di via Danimarca ed è morto dopo una violenta colluttazione con il proprietario:
di    
lettura: 1 minuto
ven 15 feb 2002 09:54 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

ieri, al termine di una lunga giornata di interrogatori, il pm di Rimini, come atto dovuto, ha indagato per omicidio preterintenzionale in concorso i padroni di casa: Mario Buldrini e la moglie Manuela Santi. Sulla ricostruzione della vicenda che ha portato alla morte del senegalese non sono emersi altri particolari: il giovane ha forzato una finestra e si è introdotto nell’appartamento seminudo ed in stato confusionale.
I padroni di casa hanno tentato di immobilizzarlo e ne è nata una colluttazione con il capo famiglia, mentre la moglie si è affrettata a chiamare il 113, che ha ascoltato in diretta le fasi dello scontro.
All’arrivo degli agenti tuttavia il senegalese era già morto. E’ tutto rimandato all’ esito dell’autopsia, che dovrebbe essere disponibile oggi. Nian Babacar, 27 anni, questo il nome della vittima, abitava a Forlì con la moglie italiana da cui ha avuto un figlio.

Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna