lunedì 17 dicembre 2018
In foto: Ha scelto Rimini perché si era trovato bene in Italia e avrebbe voluto tornare a giocare nel Belpaese. Conosce solo un “granchio”, Marques Bragg, e promette di dare in ogni gara il cento per cento. E’ stato presentato alla stampa questa mattina il nuovo americano dei Crabs, Ed Stokes (nella foto):
di    
lettura: 1 minuto
lun 25 feb 2002 13:32 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Tesserato a poche ore dalla scadenza (stabilita nelle 17,30 di ieri), l’ultimo arrivato in casa biancorossa si dice in buone condizioni fisiche, nonostante lo stop di oltre un mese, dopo il taglio a Le Havre, nel campionato francese. “Mi sono allenato per conto mio” sottolinea Stokes.
Non ha soprannomi questo vero e proprio giramondo della palla a spicchi che dopo il college ha vestito la canotta di nove squadre, in sei diverse nazioni. I suoi hobbies? La lettura, la fotografia e il cinema. Tra qualche giorno lo raggiungeranno in Riviera la moglie e la figlia. Indosserà la maglia numero 13, quella di Stefan Ciosici.

“Sono tre le novità di oggi: il nuovo americano, lo sponsor e la vittoria di ieri, una vera e propria impresa, che sarà ricordata a lungo. Non era facile vincere in casa della Premiata Montegranaro senza lunghi. Mi auguro che la vittoria di ieri costituisca un punto di partenza per il resto della stagione”. Parole di Adriano Braschi, presidente dei Crabs Rimini, di ritorno questa mattina da Forlì, dove ha chiuso la pratica sponsor: il marchio Conad accompagnerà i biancorossi per le prossime quattro stagioni.
“E’ una sponsorizzazione molto importante – ha detto in merito Braschi – perché la Conad s’impegna per le prossime stagioni a essere nostro co-sponsor. Vogliamo fare come ha fatto Varese: trovare un pool di quattro-cinque sponsor che ci permetta di restare anche nei prossimi anni nel basket che conta”.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna