martedì 22 gennaio 2019
In foto: Potenziare l’agenzia per la casa e ridefinire i canoni per l’assegnazione delle case di edilizia residenziale pubblica: sono queste le linee che il Comune di Rimini si è dato per fornire una risposta al problema casa, dopo l’incontro di questa mattina con il Forum degli Immigrati:
di    
lettura: 1 minuto
lun 21 gen 2002 13:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Risposte non solo per gli immigrati, ma per tutte le categorie disagiate – ha sottolineato l’assessore ai Servizi Sociali Stefano Vitali – perché non è giusto dare ascolto solo a chi manifesta”.
Il Comune di Rimini chiede però anche ai privati, titolari dei 10mila appartamenti sfitti riminesi, di fare la loro parte e di contribuire a sbloccare il mercato della casa: “Il Comune non può più permettersi espropri di aree – ha sottolineato l’assessore alle Politiche Abitative Vittorio Buldrini – né può mettersi a cementificare ancora”.
I nuovi criteri per assegnare le case popolari saranno elaborati in 3-4 mesi; saranno inoltre rivisti i canoni di chi è in affitto calmierato ma ha aumentato il reddito; annunciati anche più controlli per gli affitti in nero. Una critica anche per la nuova finanziaria, che allo stato attuale non prevede aiuti per la casa. L’assessore Buldrini ci spiega quali sono gli impegni del Comune per affrontare il problema casa.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Dal Molari regalo da serie A

Il compleanno speciale di Marco

di Redazione
FOTO
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna