mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: No al casinò: alle voci degli assessori della giunta riccionese Francesco Cavalli e Corrado Savoretti si aggiungono quelle del direttivo del Partito Comunista italiano, e in un comunicato congiunto, del partito del Verdi e di Rifondazione comunista. I Comunisti italiani motivano il loro no al casinò “per ragioni etico-culturali:
di    
lettura: 1 minuto
gio 31 gen 2002 20:09 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“il casinò alimenta la diffusione di una concezione di vita votata al primato del denaro e al guadagno scisso dal lavoro”. Dal punto di vista politico, argomenta il Direttivo dei comunisti, ci possono essere altre opportunità turistiche diverse dal casinò; le scelte di un’amministrazione di centrosinistra, continua il Direttivo, non possono assumere come unico criterio il business: è proprio su questo che si misura la differenza con la destra”, concludono.
Sulla stessa line anche i Verdi e Rifondazione: la Giunta proponga “modelli di sviluppo fortemente positivi, quali il lavoro, favorire l’intrapresa dei propri cittadini, garantirne la sicurezza, senza mettere a rischio il tessuto sociale della città”. Come il “caso Vanna Marchi”insegna, la “voglia di soldi facili fa perdere la testa alle persone”, concludono Verdi e Rifondazione.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna