martedì 11 dicembre 2018
In foto: La Regione Emilia Romagna conferma l’impegno per la qualificazione del servizio civile, inteso come periodo di impegno consapevole invece che scelta casuale, o parcheggio obbligato. Da qualche giorno è aperto nella sede della Regione, in viale Aldo Moro, 30, dopo la firma della convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, un ufficio per le informazioni su obiezione di coscienza e servizio civile,
di    
lettura: 1 minuto
ven 4 gen 2002 13:42 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 6
Print Friendly, PDF & Email

sulle leggi nazionali e regionali, e sulle convenzioni. Il servizio, di cui è responsabile Pier Paola Fontana, che risponde al telefono 051/ 28 41 46 e alla mail unsc@regione.emilia-romagna.it, offre informazioni anche ai nuovi destinatari della proposta del servizio civile, i volontari, ragazzi e ragazze dai 18 ai 26 anni, perché chi cerca notizie in questo settore, abbia un referente qualificato. E’ un tema che interessa numerosi giovani:gli obiettori di coscienza sul territorio regionale sono stati 8.937 nel ’98, 10.900 nel 2.000 e 5.900 nel 2001.
I numeri indicano che è stata sensibile la differenza dovuta in gran parte alla riduzione dello stanziamento di fondi per il servizio civile, che ha portato ad un conseguente ridimensionamento del contingente annuo di obiettori. Nella Provincia di Rimini, nel 2001 sono stati 500 gli obiettori, pari all’8% del totale regionale.
www.regione.emilia-romagna.it

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
Blog/Commenti Regione

I 10 segreti di Bologna

di Sabrina Campanella
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO