martedì 18 dicembre 2018
In foto: Un identikit per svelare il mistero della morte di Samanta Moretti. E’ stata elaborata dal Gabinetto regionale della Polizia Scientifica di Bologna e verrà diffuso agli organi di informazione la fotografia di colui che potrebbe rivelarsi il testimone chiave per risolvere il giallo della giovane riminese uccisa l’11 novembre scorso da un'auto pirata a Spadarolo.
di    
lettura: 1 minuto
mer 12 dic 2001 19:45 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

A parlare dello sconosciuto, pochi giorni fa, è stata una delle amiche della vittima; la ragazza ha raccontato di averlo visto fermo a poca distanza dalla seconda vettura con cui la comitiva aveva raggiunto il Mosquito, pochi istanti prima della tragedia. Un punto di osservazione che potrebbe avergli permesso di vedere la fasi salienti del dramma. Lo sconosciuto potrebbe essere uscito dal locale insieme a Samanta, anche se i dipendenti del locale non ricordano di averlo visto.
Per la morte di Samanta Moretti il pm Marilù Battelli ha iscritto nelle scorse settimane nel registro degli indagati per omicidio colposo la migliore amica della vittima e per favoreggiamento un altro ragazzo della comitiva. La decisione ha fatto seguito alle troppe contraddizioni dei giovani emerse nella ricostruzione della tragedia. I nastri delle chiamate al 118 fatte dagli amici per chiedere l’intervento dell’ambulanza sono ancora a Roma nel gabinetto centrale della Scientifica: in sottofondo si sente nitidamente la voce dell’indagata affermare “E’ stata colpa mia”. Da domani l’identikit del testimone, 1.80, sui 30 anni, viso tondo e pizzetto, sarà anche sul sito newsrimini.it.

Notizie correlate
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna