sabato 15 dicembre 2018
In foto: Nel 2000 la campagna di prevenzione gratuita dei tumori femminili promossa dalla Regione ha avuto un notevole riscontro: sono state individuate 1.475 neoplasie all’utero e 650 diagnosi precoci di cancro alla mammella. In totale, 2.125 casi dalle conseguenze potenzialmente molto gravi:
di    
lettura: 1 minuto
mer 12 dic 2001 19:27 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 3
Print Friendly, PDF & Email

i dati sono stati presentati oggi a Bologna alla presenza della testimonial Catherine Spaak, che ha rinnovato l’invito a farsi visitare allo zoccolo duro delle donne emiliano-romagnole che ancora non si sottopone a controlli. Il 62% circa delle donne della nostra Regione si sono sottoposte a pap test e mammografie.
Per quanto riguarda i controlli all’utero, la percentuale sale all’80%: medie che fanno attestare l’Emilia Romagna in una buona posizione. La prossima fase della campagna, che interesserà anche Rimini e Riccione, prevede un investimento di circa 500 milioni.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna