lunedì 25 marzo 2019
In foto: Un giorno di digiuno e preghiera, per chiedere a Dio che conceda al mondo una pace stabile, fondata sulla giustizia: è l’appello del Papa a tutti i cattolici. Il digiuno ricorda la fragilità umana, la dipendenza dalle cose materiali, ed è associato, nella tradizione cristiana, al periodo del lutto, e quindi della difficoltà che il mondo sta attraversando:
di    
lettura: 2 minuti
ven 14 dic 2001 13:10 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

la preghiera è l’affidarsi a Dio, chiedendo ciò che l’uomo non sembra capace di realizzare. Il Papa ha proposto digiuno e preghiera per oggi, in segno di solidarietà con i musulmani, che oggi concludono il mese del Ramadan; il gesto assume particolare significato nel periodo di conflitti internazionali che ci troviamo a vivere.
L’invito del Papa è stato raccolto anche dalla Diocesi di Rimini, rilanciato dal Vescovo, mons. Mariano De Nicolò che proprio oggi è ritornato alla guida della Chiesa riminese presiedendo alle 9, in Seminario, la recita delle Lodi con cui si è aperta l’assemblea del Presbiterio, che raccoglie tutti i sacerdoti della Diocesi. Il Vescovo è stato accolto da un lungo applauso dai sacerdoti, li ha salutati e si è intrattenuto con loro fino all’inizio del lavori dei gruppi di studio.
La riunione del presbiterio si concluderà nel primo pomeriggio; anche i sacerdoti digiuneranno a pranzo, raccogliendo quindi l’invito del Papa raccolto dal Vescovo.
Mons. Aldo Amati, vicario generale della Diocesi.

Questa giornata sarà speciale in molte parrocchie: per questo pomeriggio e questa sera, quasi in ogni parrocchia della Diocesi, sono proposte veglie di preghiera, dove sarà raccolto il denaro che si sarebbe destinato al pranzo o alla cena per finanziare progetti di solidarietà. C’è chi, come la parrocchia della Colonnella, propone l’Adorazione eucaristica per tutta la giornata con l’esposizione del Santissimo in chiesa dal mattino e chi propone, come farà alle 18 la parrocchia di San Gaudenzo, una veglia di preghiera a partire dalle 18; alcune parrocchie si ritroveranno insieme per pregare, come le parrocchie di Coriano, Montecolombo e Sant’Andrea in Besanigo.
Il progetto che la Diocesi ha scelto di finanziare in questa giornata è la scuola di Taibeh: si trova in Palestina, la frequentano giovani cattolici e musulmani, e la costruzione delle nuove aule che darà lavoro ai giovani del villaggio.
Aderisce anche la parrocchia della Riconciliazione; la riflessione è del parroco Don Domenico Valgimigli.

Tante le modalità, ma sostanziale l’adesione allo stile di digiuno e preghiera di questa giornata. Le parrocchie di Riccione e Miramare si ritroveranno per la preghiera alla Mater Admirabilis; come ci spiega don Tonino Brigliadori, vicario foraneo.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
Fogheracce con l'incognita

Tempo incerto per lunedì

di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna