lunedì 17 dicembre 2018
In foto: Nella strada verso la rincorsa alla vetta il Rimini incontra la matricola Thiene. Contro i veneti gli uomini di Bonavita sono alla ricerca dei tre punti ma anche di una vera identità, dopo una serie di prestazioni o poco convincenti o non accompagnate dal risultato, come quella di domenica scorsa a San Benedetto del Tronto:
di    
lettura: 2 minuti
dom 2 dic 2001 14:50 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

il Thiene, che occupa l’undicesima posizione in classifica insieme al Mantova, avversario del Rimini la prossima settimana, è la seconda realtà del calcio vicentino dopo la squadra del capoluogo, che milita in serie B. Salito in serie C2 proprio quest’anno, il Thiene aveva cominciato bene, conquistando 12 punti nelle prime 8 giornate. Poi è arrivato un calo di rendimento, con appena 3 punti nelle ultime 5 gare e una discesa in classifica che ha ridotto il margine di sicurezza dalla quintultima posizione a due punti. Per i veneti, guidati dal confermato Del Bianco, finora le vittorie sono 3, di cui una sul difficile campo della Sambenedettese, fatale al Rimini, i pareggi sono 6 e le sconfitte 4. Perfetto equilibrio nel bilancio reti fatte e subite, con quota 14 in entrambe le caselle. Domenica scorsa il Thiene è uscito sconfitto per 1 a 0 dal campo del Mestre, subendo la rete decisiva addirittura dopo che i padroni di casa erano rimasti in 9 a causa di 2 espulsioni.
L’undici veneto si basa su un gruppo compatto ed esperto rinforzato da alcuni promettenti elementi provenienti da categorie inferiori. La porta è difesa da Corrà. L’ossatura della linea difensiva, con Borriero, Bonaldo e Novello, è rimasta quella della scorsa stagione. La novità è Cozza, prelevato dall’Arzignano. A centrocampo ci sono Pagani, Perugini (proveniente dal Pordenone), Simonato e Marchesan. E’ in attacco che il Thiene può vantare il potenziale migliore: a far coppia con Mazzucato (proveniente dalla Luparense) è arrivato in prestito dal Padova Cristian Baglieri, salito alla ribalta alcune stagioni fa in serie B con il Castel di Sangro. In alternativa a Mazzucato c’è da tener presente il giovane Colussi: per lui finora un ruolino di tutto rispetto con 4 reti in 7 apparizioni.
Tra gli uomini di Bonavita mancheranno Bucchi, Di Terlizzi e D’Angelo, che però sembra ormai vicino al recupero. Nessun problema, invece, per il portiere Bizzarri, rimasto fermo nella partitella del giovedì. Il Rimini da domenica ha trovato la compagnia di Gubbio e Imolese nella rincorsa al Teramo, e in questo 14esimo turno i biancorossi seguiranno con interesse il big match tra Gubbio e Teramo, che vedrà tra l’altro in panchina una sfida tra ex riminesi: Alessandrini per gli umbri e Zecchini per la capolista.

Notizie correlate
di Icaro Sport
VIDEO
di Roberto Bonfantini
di Roberto Bonfantini
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna