22 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Un latitante e tre clandestini arrestati dai carabinieri

CronacaRimini

25 ottobre 2001, 12:51

in foto: Il reparto operativo ed il nucleo radiomobile della compagnia provinciale dei Carabinieri di Rimini ha effettuato una serie di arresti in questi giorni:

l’arresto più rilevante riguarda la cattura di un latitante, Maurizio Basco, 27 anni, originario di San Cipriano d’Aversa nel casertano. Avvistato una settimana fa in un albergo di Riccione, il latitante era sospettato di aver commesso diverse rapine in banca nel modenese ed una a Misano, il 2 marzo del ’99, ai danni della banca di Credito Cooperativo di Ospedaletto, che aveva fruttato al malvivente 30 milioni.
Nella stanza d’albergo sono stati ritrovati dei documenti falsi e una pistola giocattolo modificata, ritagli di giornale delle sue precedenti rapine e dell’arresto di un suo complice.
Basco aveva una base dove viveva con la moglie e la figlia, ma preferiva alloggiare in diversi alberghi riminesi con documenti falsificati. I carabinieri gli hanno notificato un ordine di esecuzione del Tribunale di Perugia perchè doveva scontare un anno e 4 mesi di reclusione per furto.
La seconda operazione ha portato all’arresto martedì scorso di due clandestini rumeni privi di documenti, Attila Luois Juhas e Adric Dobosi, di 20 e 24 anni. I due sono stati visti aggirarsi attorno ad una banca in via Mantova a Rivazzurra di Rimini; il loro fare sospetto ha indotto i carabinieri ad un controllo che ha portato al rinvenimento di due cellulari, risultati poi rubati. Uno dei telefonini era stato sottratto a uno studente universitario che si era appisolato sul treno che da Chieti lo portava a Bologna.
Per i due rumeni è stato convalidato il fermo e disposto che restino in carcere, perchè due mesi fa erano già stati arrestati sempre per furto.
E’ stata arrestata a Bellaria, invece, una clandestina Kosovara, Kristina Mircovich, nata a Pristina nell’81, sorpresa con gioielli d’oro del valore di 2 milioni e mezzo prelevati nell’appartamento di un pensionato bellariese che la ospitava.
La ragazza è stata fermata dagli agenti mentre cercava di occultare la refurtiva in una cabina telefonica per prenderne possesso in un secondo momento. L’arresto della kosovara non è stato convalidato per difetto di querela. Singolare il fatto che in casa del bellariese i carabinieri abbiano trovato altre due giovani kosovare “semplici” conoscenti.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454