18 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

L’editoriale de ilPonte

Rimini

21 ottobre 2001, 10:27

in foto: Potere ai bambini
Il sogno di Ahmad
Tra le immagini che da martedì 11 settembre ad oggi scorrono sui video e nelle pagine dei giornali per raccontare il crescere di una tragedia, è apparsa, in piccolo spazio e per breve tempo, la foto di Ahmad Massud, figlio tredicenne del capo della resistenza afghana assassinato il 9 settembre da due falsi giornalisti suicidi. Ai funerali del padre, dove è stato ripreso, Ahmad ha avuto parole di pace ed ha stupito coloro che gli erano accanto.

Il giorno dopo su di lui, come su molti altri ragazzi, vittime del terrore e della violenza, è calato il silenzio. È sempre stato così ed è a volte difficile pensare ad un giorno in cui sarà diverso.
Nell’attesa si chiede ai bambini di disegnare, di raccontare, di scrivere le impressioni sugli attacchi alle torri gemelle, sulla guerra, sulla violenza… Si chiamano, giustamente, gli psicologi per interpretare i pensieri e, per quanto possibile, curare le ferite nella mente dei piccoli. Si stanno formando competenze specialistiche da mettere a disposizione di prossime piccole vittime perché, dice il mondo degli adulti, è inutile illudersi ed illudere: la violenza ed il terrore non cesseranno.
Ma è davvero questa la risposta per Ahmad, i bambini degli Usa, i bambini dell’Afghanistan, quelli dell’Algeria e della Sierra Leone, i bambini della Palestina e di Israele, quelli di Belfast, i bambini del mondo?
Sappiamo bene che le domande non risolvono i problemi. E neppure è corretto giocare sulle emozioni, ignorando la complessità e la gravità delle questioni che si stanno vivendo nel mondo. Ma a questi bambini, a questi nostri figli può il mondo degli adulti promettere un futuro diverso? È possibile un supplemento di coraggio per cercare vie nuove rispetto all’odio, alla disuguaglianza, alle armi, alla violenza?
È forse un sogno di bambini. Era il sogno di Ahmad che guardava suo padre sperando di vederlo un giorno senza fucile. Purtroppo così non è stato, ma il piccolo afghano ha detto che “la morte non è l’ultima parola”.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454