martedì 23 aprile 2019
In foto: Ha scelto Rimini perché l’anno scorso si era trovato bene a Cantù con coach Ciani, prima di infortunarsi al ginocchio destro. Adesso sta bene, si è allenato tutta l’estate ed è pronto ad affrontare il campionato italiano, che considera difficile. Si presenta così Jarrett Stephens, la nuova ala-pivot americana dei Crabs, sbarcato questa mattina a Bologna dopo diverse traversie fisiche e burocratiche che avevano rinviato più volte il suo arrivo in Riviera.
di    
lettura: 1 minuto
lun 3 set 2001 19:17 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il suo soprannome è Fliz, nomignolo attribuitogli quando era piccolo dal fratello, anch’egli ex cestista e al momento attuale allenatore. Non è altissimo per essere un lungo, 198 centimetri, ma grazie alla sua mole: peso forma 117 chili, e ai piedi veloci, porta il 47, riesce a farsi valere anche sotto le plance. “Il mio giocatore preferito? Barkley, ma non ho un mito a cui m’ispiro” dice il 24enne Stephens, che all’High School ha segnato 42 punti in una partita. Al College la sua migliore prestazione parla di 32 punti e 18 rimbalzi, avversario Michigan.

E domani alle 19,30, al Rock Island, sul porto di Rimini, ci sarà la presentazione ufficiale dei Crabs.

www.basketrimini.com

Altre notizie
di Redazione
FOTO
Notizie correlate
Progetto Periscopio

Dove collochiamo la speranza

di Redazione   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna