lunedì 17 dicembre 2018
In foto: Erano scappati a Rimini due dei quattro giovani di Afragola fermati ieri sera dai carabinieri con l’accusa di aver ucciso domenica notte a Casoria, comune dell’hinterland di Napoli, il 17enne Stefano Ciaramella.
di    
lettura: 1 minuto
ven 7 set 2001 14:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’episodio è stato al centro delle cronache nazionali nei giorni scorsi. Il giovane aveva reagito con veemenza al loro tentativo di rubargli il ciclomotore e la borsetta della fidanzata ed era stato aggredito da Pietro Amadori, 18 anni, e Giuseppe D’Arscillo, 23. A dare manforte ai balordi era poi intervenuto il complice 16enne.
E’ stato proprio il più giovane a sferrare il colpo fatale con il suo coltello a serramanico. D’Arscillo e l’esecutore materiale sono partiti il giorno dopo per Rimini, dove svolgevano da tempo saltuari lavori da muratore. Il 16enne è stato bloccato nella stanza d’albergo in cui alloggiava a Bellaria. Ad Afragola è rimasto solo il quarto complice, di 17 anni, che ha deciso di collaborare con la giustizia. Il suo racconto è tra gli elementi indicati dal pm nel provvedimento di fermo. Si attende ora la pronuncia dei giudici del tribunale e dei magistrati dei minori.

Altre notizie
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna