mercoledì 20 febbraio 2019
In foto: E' tempo di vacanze. Anche se ormai si viaggia tutto l’anno, l’estate continua a rimanere il periodo preferito per le ferie. Così fra una valigia e l’altra, chi non è impegnato nella stagione alberghiera o balneare, si prepara a partire per il sospirato riposo.
di    
lettura: 2 minuti
dom 12 ago 2001 08:34 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Caldo, sole e Mediterraneo. I romagnoli hanno il mare a portata di mano, ma secondo le richieste che arrivano alle agenzie viaggi, per le loro vacanze sembrano desiderare sempre le spiagge.

“Dopo il boom invernale delle destinazioni lontane ed esotiche – spiegano dall’agenzia Prima o Poi di Rimini – in estate i riminesi approfittano delle temperature più favorevoli per andare più vicino. Così, Spagna, Grecia e soprattutto l’intramontabile Sardegna, sono le mete più richieste. C’è anche chi preferisce Cuba, ma sono così pochi che si contano sulle dita di una mano. È vero che la maggior parte delle domande deve ancora arrivare, visto che il ‘popolo’ degli albergatori e degli esercenti turistici partiranno solo tra qualche mese, ma i riminesi che si metteranno in moto quest’estate non sono pochi”.

Qual è lo stereotipo del romagnolo nella vacanza estiva 2001?

“Non c’è un tipo particolare – è l’idea degli operatori dell’agenzia Adriatour – Arrivano domande di famiglie, amici e molti gruppi di studenti, tutti interessati al Mediterraneo anche se non mancano i viaggi per le capitali europee”.

Volo, traghetto e pacchetti tutto compreso. Chi va in tenda o chi preferisce il villaggio a cinque stelle. Secondo un sondaggio della rivista Banca Finanza il 23% degli italiani, pur di andare in vacanza, chiederà il mutuo vacanze. Per il 29% dovrebbero bastare 2milioni e mezzo per persona in un villaggio turistico, mentre per un altro 29% occorrono 6 milioni come budget necessario alla vacanza. E anche per i romagnoli ci sono possibilità per ogni gusto e prezzo.

“Si può spaziare fra varie scelte – continuano dalla Prima o Poi e dall’Adriatour- Si parte da sotto il milione per arrivare anche ai due milioni. Tutto dipende da cosa si vuole. Le famiglie tendono a cercare il tutto compreso, mentre i giovani logicamente si adattano prenotando solo il mezzo di trasporto. Generalmente si trovano buone sistemazioni anche a prezzi non astronomici. Per un all-inclusive di una settimana basta un milione e mezzo. Ma è ovvio che l’alta stagione non aiuta a risparmiare”.

La montagna va ancora bene per i campeggi parrocchiali, anche se oggi si preferisce l’albergo alla tenda o alla casa dei ritiri. Ma la vera novità sono le capitali europee.

“Quest’estate – commentano dall’agenzia Malatesta – abbiamo avuto molte richieste per l’est europeo da parte di gruppi parrocchiali, formati da adulti e famiglie. In particolar modo stanno avendo un buon successo la Cecoslovacchia, l’Ungheria e la Polonia. Ma non manca l’interesse per l’Italia, con Roma e la Toscana in testa alle preferenze. Inoltre, abbiamo registrato un discreto incremento di ‘vacanzieri’ estivi rispetto alla stagione passata”.

Tutti d’accordo sulle richieste più strane presentate al momento della partenza: c’è chi chiede se in hotel bisogna portare asciugamani e lenzuola o chi arriva in agenzia domandando un last minute per un viaggio che dovrà fare due mesi dopo.

Roberta Silverio

Notizie correlate
di Redazione
di Andrea Polazzi
mediazione aziendale

Che cos'è il workfare?

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna