lunedì 18 marzo 2019
In foto: Sei anni di reclusione al corriere albanese che trasportava 7 chili e mezzo di eroina. La polizia stradale aveva impiegato ben 14 ore per scovare l’eroina divisa in 15 panetti nascosta nella Volvo familiare guidata da Spartak Fezga, 29 anni, fermato sull’A14 tra i caselli di Rimini Nord e Cesena, il 26 settembre scorso.
di    
lettura: 1 minuto
gio 9 ago 2001 17:52 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’albanese è stato condannato a Bari, con giudizio abbreviato. Delle indagini si era occupata la Procura di Forlì fino a quando l’autorità giudiziaria barese non ha scoperto un’organizzazione (16 le persone coinvolte, di cui 5 latitanti) dedita oltre che al traffico di stupefacenti anche a quello di clandestini, di cui, secondo l’accusa, farebbe parte lo stesso Fezga. I clandestini venivano sbarcati non solo in Puglia, ma anche, in un caso, a Pesaro, e venivano poi trasportati sulla riviera romagnola con auto che partivano da Riccione. La Perla Verde era una base sia per i clandestini che dovevano nascondersi sia per quelli diretti verso il Nord Italia e il Nord Europa. Per 14 episodi di sbarco di clandestini i fratelli Altin e Alfred Lagji hanno patteggiato un anno e 9 mesi di reclusione con pena sospesa. Un terzo fratello, Erion, è latitante in Albania. Per il concorso nel traffico di droga il processo si terrà il 5 novembre.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna