martedì 15 gennaio 2019
In foto: Finito il G8, non è però esaurita la voglia di manifestare. E’ infatti già in programma per domani sera alle 18 un “sit-in” di protesta davanti alla prefettura, promosso dalla Casa della pace, la CGIL, il centro giovani di Casa Pomposa, la Rete Lilliput, il centro sociale autogestito di Miramare ex-ostello, Rifondazione comunista e i verdi.
di    
lettura: 1 minuto
lun 23 lug 2001 19:37 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Non prenderanno parte invece alla manifestazione l’associazione Papa Giovanni XXIII e l’Arci, che in un primo momento avevano partecipato alla discussione sulle azioni di protesta, dopo gli atti violenti di Genova, ma hanno poi deciso di dissociarsi. In un comunicato, le associazioni organizzatrici del sit-in, chiedono le dimissioni del Ministro dell’interno Scajola, e la liberazione degli aderenti al Genoa Social Forum incarcerati dopo il blitz delle forze dell’ordine di sabato sera. Le stesse associazioni sottolineano inoltre, l’impossibilità di manifestare per le vie di Genova a causa delle violente cariche della polizia. Al sit-in parteciperà a titolo personale anche il consigliere comunale delle Margherita Andrea de Santi, che al nostro microfono spiega le motivazioni della sua scelta.

Notizie correlate
di Redazione
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna