martedì 24 settembre 2019
menu
In foto: Si è concluso con una ammonizione ad un comportamento più consono, insomma, un invito a migliori maniere, il procedimento giudiziario nei confronti di Ganni Palazzi, bagnino di salvataggio a Riccione. Domenica scorsa era stato arrestato dai carabinieri, chiamati da alcuni turisti che il bagnino aveva fatto scendere a forza dal suo moscone.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 17 lug 2001 09:27 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Ai carabinieri il bagnino aveva prima risposto di non avere i documenti e poi aveva rifiutato di seguirli in caserma, e dalle testimonianze, emerge anche qualche spintone. Tanto che i carabinieri si sono ritrovati lesioni e contusioni. In tribunale, Gianni Palazzi non è stato meno agguerrito: tanto deciso a raccontare la verità da litigare anche con l’avvocato difensore. Che lo ha lasciato ad un avvocato chiamato d’ufficio. Ma il giudice Rossella Talia ha assolto il bagnino: era lecita la resistenza ad abbandonare la posizione in spiaggia, in assenza di un sostituto, perché così stabilisce una ordinanza della capitaneria di porto.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Icaro Sport   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna