martedì 22 gennaio 2019
In foto: E’ tornato davanti alla sbarra Riccardo Mazza, l’ex agente di polizia stradale coinvolto nelle indagini legate alla banda della Uno bianca.
di    
lettura: 1 minuto
gio 21 giu 2001 09:30 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’uomo, legato sentimentalmente a Maria Grazia Angelici, ex moglie di Fabio Savi, uno dei fratelli della banda, già condannato nel 97 a 8 mesi di reclusione per omessa denuncia da parte di pubblico ufficiale, è ora accusato di favoreggiamento. Secondo il pm Mazza aveva saputo dall’Angelini che Fabio Alberto e Roberto Savi erano gli autori dell’eccidio dei tre carabinieri al pilastro di Bologna nel gennaio del 91. Mazza si è sempre difeso sostenendo di non avere dato peso ai sospetti della donna perché pensava fossero dati dal risentimento per il marito che l’aveva lasciata per la Mikula. Ci sarebbe anche un’intercettazione tra le prova, secondo l’avvocato difensore, dell’estraneità di Mazza. In attesa di ascoltare Angelini l’udienza è stata aggiornata al 13 dicembre.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna