sabato 19 gennaio 2019
In foto: Il ciclo delle acque riminesi tra tre anni finirà in mani straniere. La fusione tra Amir e Sis è saltata e i tempi tecnici sono stretti.
di    
lettura: 1 minuto
mer 27 giu 2001 12:44 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

E’ infatti vicino il termine del 14 settembre, quando l’Ato dovrà accordare i tempi della salvaguardia, e poiché nessuna delle due copre il ciclo delle acque del 75% del territorio, entrambe otterrebbero solo 3 anni di salvaguardia. In caso di fusione avrebbero invece ottenuto, come unico soggetto in tutta la provincia, 15 anni di salvaguardia. Il rischio è che quindi debbano essere messe sul mercato. Giuseppe Chicchi, presidente dell’Ato.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna