newsrimini.it

Le immagini del Capodanno a Rimini

Castel Sismondo

(video Adriapress)

Prima il concerto in piazzale Fellini con Nina Zilli e Daniele Silvestri, con Salirò a scandire il countdown verso la mezzanotte. Poi i fuochi d’artificio e i punti di riferimento, per il capodanno di Rimini, sono stati gli eventi nell’affollato centro storico, con l’incendio pirotecnico e il dj set a Castel Sismondo, le iniziative all’ala moderna del Museo ma anche i giochi di luce sul ponte di Tiberio, prolungati fino alle 3 del mattino.

 

Il Sindaco Andrea Gnassi ringrazia le forze dell’ordine, il Prefetto, Polizia e Carabinieri, Guardia di Finanza, i vigili urbani, gli operai di Anthea ed Hera, e tutti coloro i quali hanno garantito servizi efficienti. Grazie al coordinamento del Comitato per l’ordine e la sicurezza, il modello Rimini è stato ulteriormente rafforzato con dispositivi di controllo dei flussi ai varchi, delle strade, che hanno consentito lo svolgimento degli eventi in totale sicurezza, in contemporanea in cinque piazze. Alle 6 di queste mattina – fa sapere l’Amministrazione Comunale –  le aree dei festeggiamenti erano già state pulite e ripristinate.

“Un evento di cui siamo orgogliosi – commenta il Sindaco Andrea Gnassi – perché capace di raccontare al meglio chi siamo e cosa Rimini sta diventando. In pochi chilometri quadrati abbiamo proposto un’offerta di spettacoli, installazioni, suggestioni visive ed iniziative che neanche le metropoli hanno. Una proposta che mai come quest’anno si è tenuta a braccetto con la riqualificazione della città. Ogni anno il capodanno tiene a battesimo un nuovo contenitore culturale. Quest’anno l’invaso del Ponte di Tiberio e piazza Malatesta, tornata alla sua prospettiva rinascimentale, sono state le immagini più rappresentative di una città che non solo non fa vincere la paura e chi ci vuole rintanare in casa, ma con organizzazione, lavoro ed efficienza, coordinamento delle forze dell’ordine, offre agli italiani sicurezza e il diritto alla vacanza. Rimini lo fa con contenuti innovativi, con i tesori artistici della città, con servizi che tra pubblico e privato nessuno dà. Questa settimana, questo weekend, questo incredibile capodanno ha sancito definitivamente il rango di una città che oggi si impone al pari delle più importanti città d’arte, ma con creatività e sguardo internazionale. Dico di più: tocchiamo numeri e presenze senza eguali, da primato, proprio nell’anno 1 dell’applicazione del modello di ‘safety and security’. Come la scorsa estate, la lezione che viene da Rimini e dalla Riviera di Rimini è che la festa e la voglia di stare insieme possono sconfiggere la paura.