22 October 2017

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Gioco d’azzardo, anche le Acli contro la ludopatia

gioco d'azzardoRiccioneRimini

15 febbraio 2017, 07:24

sale slot emilia romagna

in foto:  repertorio

Per contrastare il dilagare del gioco d’azzardo, sono più di 50 le associazioni del nostro territorio che fanno parte del progetto SLOTMOB e che hanno promosso la petizione A che gioco giochiamo?. Anche le ACLI hanno aderito e stanno portando il proprio contributo per evitare il diffondersi di questa piaga sociale.

Gli enti pubblici locali hanno risposto positivamente alle sollecitazioni dei cittadini e delle associazioni. Già dal 2014 la Regione Emilia-Romagna ha lanciato il progetto SlotFreeER con cui, grazie a una vetrofania sulla vetrina, si segnalano gli esercizi commerciali virtuosi in cui non si trovano le famigerate slot machine. La Regione ha anche stanziato dei finanziamenti per promuovere nei Comuni iniziative che contrastino il diffondersi del gioco d’azzardo.

 

In particolare, a Riccione, è prevista l’attivazione di un bando pubblico per l’erogazione di contribuiti economici agli esercizi che disinstallino le apparecchiature, dietro presentazione di progetti vincolati alla creazione di luoghi d’intrattenimento sociale come consultazione gratuita di libri e riviste, giochi o spazi bookcrossing. Inoltre saranno organizzati incontri pubblici alla presenza di esperti e testimonianze di persone riuscite a sconfiggere la ludopatia. Oltre a una campagna informativa, verranno predisposti all’interno del Centro per le Famiglie uno sportello d’ascolto e gruppi di mutuo aiuto condotti da psicologi.

A Rimini giovedì 9 febbraio il Consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno incentrato sul contrasto al gioco d’azzardo. Il sindaco Andrea Gnassi ha ricordato che «in questi giorni sta approdando in sede di conferenza unificata (che vede allo stesso tavolo Stato, Regioni e Comuni) una proposta normativa che è il frutto di otto mesi di lavoro prodotto dagli enti locali e dai territori. Un lavoro nato dal basso e che finalmente si incrocia con il Governo. Questa intesa andrà a definire una serie di scelte che non rimarranno sulla carta, ma si trasformeranno in atti normativi. Ad esempio, uno degli obiettivi dichiarati della proposta è quella di arrivare a una riduzione del 30% delle slot e delle apparecchiature da gioco e di dimezzare nell’arco di tre anni le sale da gioco. Si tratta quindi di un lavoro molto pragmatico, particolarmente rilevante per una regione come l’Emilia Romagna che è quarta in Italia per diffusione di apparecchiature da gioco, ben 35mila.

La proposta normativa si concentra su diversi aspetti, dall’innalzamento qualitativo dei punti gioco (ad esempio accesso più visibile e maggiore illuminazione delle sale, identificazione di chi accede), all’aspetto formativo ed educativo. In particolare dà possibilità agli enti locali di poter effettuare maggiori controlli e di regolamentare orari e collocazione urbanistica dei punti gioco. Come Amministrazione, in appoggio all’ordine del giorno del Consiglio, abbiamo già dato direttive agli uffici competenti affinché si possano ridurre le affissioni pubblicitarie delle sale gioco, purtroppo ancora presenti nella nostra città proprio a causa dell’assenza, fino a questo momento, di un contesto normativo di riferimento».

Redazione RiminiSocial 2.0

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454