Edizione record per Ecomondo. Oltre 101mila visitatori, più 8.6%

in foto: Il logo dell'edizione 2014 di Ecomondo, un'edizione da record

E’ stata un’edizione da record la 18esima edizione di Ecomondo conclusa oggi a Rimini Fiera. 101.144 visitatori (+8,6% sul 2013). E la componente estera è sempre più forte: , con operatori provenienti da 86 Paesi, dei quali 30 d’Oltreoceano. 350 i buyer presenti in fiera, con la Turchia come area geografica più rappresentata, seguita dai Paesi balcanici e dal Nord Africa. E poi Russia, Bulgaria, Romania, Sud America, Polonia.

Il successo testimoniato dalla quantità e qualità dei visitatori nazionali ed esteri – commenta il Presidente di Rimini Fiera Lorenzo Cagnoniè l’estrema sintesi di un’imponente trama operativa che durante l’anno viene tessuta nell’interesse del business delle imprese. Siamo molto soddisfatti: il nostro sistema di fiere dedicate all’ambiente è ormai fra i primissimi in Europa e la prossima sfida in Brasile apre nuovi affascinanti orizzonti”.

1200 le aziende che hanno esposto nei sedici padiglioni della fiera riminese, che ha avuto negli Stati Generali della Green Economy, promossi dalla Fondazione Sviluppo Sostenibile, un momento importante anche di confronto col Governo: sono intervenuti il Ministro dell’Ambiente Galletti e nella seconda giornata il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti. Oltre mille relazioni, ottomila partecipanti. Questi i numeri che sintetizzano il fitto calendario di eventi promossi dal Comitato Tecnico Scientifico guidato dal Prof. Fabio Fava., che spiega:  “Il nostro obiettivo è quello di essere una sempre più concreta opportunità per operatori e imprese, ma anche per la ricerca pubblica”.  Complessivamente oltre 100 relatori e 2000 partecipanti, tra i quali rappresentanti istituzionali, imprese e organizzazioni di imprese, mondo della ricerca e associazioni. “Gli Stati Generali del 2014 – ha detto Edo Ronchi, Presidente del Consiglio Nazionale della Green Economy – lanciano un messaggio al Governo: la green economy è la via maestra per uscire dalla crisi. Attenzione a non subire solo le emergenze, ma occorre alzare la testa, guardare cosa fanno i paesi più avanzati. Per aprire nuove strade, è necessario rottamare le vecchie idee di sviluppo”. La green economy made in Italy è stata protagonista del Premio Sviluppo Sostenibile. Una bottiglia realizzata con più dell’80% di vetro riciclato e con un peso ridotto nonostante la personalizzazione su vetro (145 gr) che la rendono altamente efficiente in termini di impatto ambientale; una piattaforma di “social networking” per diffondere la sostenibilità; un sistema innovativo di raccolta e riciclo degli scarti agricoli. Questi i prodotti realizzati da tre aziende della green economy made in Italy che hanno vinto il Premio. I comunicati dettagliati sui contenuti delle due giornate, sul sito www.statigenerali.org

La nostra esperienza – commenta il direttore di business unit Simone Castellici consente di misurare non solo coi numeri il successo delle manifestazioni, ma anche percependo il clima dei padiglioni. Da questo punto di vista è stata una settimana entusiasmante. La green economy non è più una parte dell’economia, è piuttosto uno dei più importanti driver di crescita e le imprese che abbiamo visto protagoniste in fiera hanno le carte in regola per essere traino verso lo sviluppo”.

La Città Sostenibile si conferma uno dei contenuti qualificanti di Ecomondo. Allestito su 6.000 mq, lo spazio progettato da Rimini Fiera – con il supporto del Comitato di Indirizzo e la collaborazione commerciale e progettuale di eAmbiente – ha presentato un modello ideale di città sostenibile mostrando soluzioni, tecnologie e progetti che consentono di migliorare la qualità di vita del cittadino e favorire lo sviluppo dei territori in chiave sostenibile ed efficiente.

Oltre 550 i giornalisti accreditati per seguire l’evento. Impressionante il coinvolgimento ottenuto dai social network sui profili ufficiali: dodici top ecoblogger presenti in fiera, su Twitter quasi 5 milioni le impressions e 900mila i profili raggiunti. Sulle pagine Facebook delle manifestazioni la settimana di fiera ha visto l’aumento di 300 volte i ‘like’ rispetto a quella precedente, mentre su quella corporate di Rimini Fiera sono stati 347.000 nell’ultima settimana.

A ECOMONDO è stato presentato anche il quarto Accordo di Programma Quadro ANCI-CONAI che regolerà, per il quinquennio 1/4/14 – 31/3/19, l’entità dei corrispettivi da riconoscere ai Comuni convenzionati per i “maggiori oneri” della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio.
Altro accordo firmato, alla presenza del Sottosegretario di Stato all’Ambiente Barbara Degani, quello che vede per i prossimi tre anni il marchio Nespresso, CIAL – Consorzio Imballaggi Alluminio, Federambiente e il CIC – Consorzio Italiano Compostatori, lavorare insieme per la raccolta, il recupero e l’avvio al riciclo delle capsule del caffè Nespresso realizzate esclusivamente in alluminio.

E ora Ecomondo è pronto a proporsi su scala internazionale in sinergia con FIMAI ECOMONDO BRASILE, che nel 2015 si svolgerà a San Paolo dopo l’acquisizione annunciata da Rimini Fiera e il Gruppo Tecniche Nuove. La fiera è tradizionalmente in calendario a metà novembre e propone aziende che spaziano dalle nuove tecnologie alla ecoefficienza, dal riciclaggio al diritto ambientale. Nel 2015 le fiere della green economy saranno a Rimini Fiera da martedì 3 a venerdì 6 novembre. Il prossimo anno si aggiungerà anche SAL.VE Salone internazionale del veicolo ecologico, che passa da triennale a biennale.

Guarda il video conclusivo di Ecomondo 2014:

-

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454