24 February 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Sono sempre più ‘rosa’ le penne dell’Emilia Romagna

Regione

22 aprile 2002, 16:43

in foto: Il giornalismo emiliano-romagnolo è sempre più al femminile: le donne sono 1.433, con un incremento di 52 rispetto all' anno precedente e addirittura di 469 dal '94, primo anno in cui l'Ordine ha catalogato i dati degli iscritti con distinzione fra maschi e femmine.

All’inizio del 2002 raggiungono così il 24,33%, quasi un punto e mezzo in più della media nazionale che è del 23 (con apice del 39 in Lombardia). In Emilia-Romagna però raggiungono
attualmente la parità fra i praticanti: 51 a 51. Anche nella Scuola superiore di giornalismo le donne rappresentano, nel secondo corso, il 50% (avevano però conquistato l’80%, con 24
ammessi su 30, nel primo corso).
Il ‘ritratto in rosa’ del giornalismo emiliano-romagnolo è
stato fatto dal presidente dell’Ordine dell’Emilia-Romagna, Claudio Santini, che ha presentato l’edizione 2002 del ‘Chi come dove della stampa in Emilia-Romagna’. Un volume di 476 pagine che – oltre agli albi dei professionisti, praticanti,
pubblicisti e degli iscritti all’ elenco speciale – raccoglie le leggi su Ordine, stampa, privacy, editoria, sugli uffici stampa degli enti pubblici, il codice deontologico e la Carta dei doveri, la Convenzione Onu e le Carte di Treviso sulla tutela
dei minori, il contratto di lavoro e quello Aer-Anti-Corallo per le emittenti radiotv, le testate quotidiane e i responsabili degli uffici stampa.
Il giornalista emiliano-romagnolo, secondo l'”identikit” fatto da Santini sulla base dei dati raccolti per il volume, ha un’età leggermente superiore ai 40 anni, più alta che in passato (l’età media di assunzione supera i 30), ha un diploma
o, sempre più, una laurea prevalentemente in lettere o in giurisprudenza (quindi un percorso di studi più lungo e impegnativo), lavora sempre meno nei quotidiani, è spesso free lance, opera negli uffici stampa soprattutto pubblici e nella
comunicazione di categoria e di servizio con diffusione anche on line.
Guadagna meno che in passato e spesso ha un contratto da
collaboratore, anche se sostanzialmente presta opera redazionale a tempo pieno. I giornalisti nella regione, secondo i dati di inizio anno, sono 5.890 (130 in più negli ultimi 12 mesi, oltre mille in
più rispetto a dieci anni fa).
La distribuzione per province di residenza vede in testa Bologna (2.149), seguita da Modena (669), Reggio (556), Parma (527), Ravenna (431), Forlì (392),
Ferrara (364), Rimini (338) e Piacenza (289). I professionisti sono 1.080 (520 nell’89), i pubblicisti (che in molti casi operano da professionisti senza averne il contratto) 3.424, i praticanti 102 (avevano raggiunto il top nel ’90 con 139
iscritti, per l’ingresso sul mercato emiliano-romagnolo del ‘Messaggero’ e delle ‘Gazzette’ di Longarini, ed erano ‘sprofondati’ al minimo storico di 61 nel ’97); il loro numero – ha sottolineato il presidente – va valutato anche in relazione alle numerose iscrizioni d’ufficio operate dall’ Ordine
regionale e all’ ingresso degli allievi della Scuola superiore di giornalismo).

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454