19 February 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

I piccoli negozi non muoiono più: il commento di Rossini (Confcommercio)

EconomiaProvincia

5 aprile 2002, 12:31

in foto: Si ferma la diminuzione dei piccoli negozi in Emilia Romagna. Tra il 1998 e il 2000 il loro numero è anzi aumentato, anche se di poche unità. E’ emerso dai dati contenuti nel Rapporto dell’Osservatorio regionale sull’andamento e le tendenze del commercio:

l’Emilia Romagna è riuscita a raggiungere un buon livello evolutivo, senza stravolgimenti. Lo testimonia innanzi tutto il numero di abitanti per ciascun punto vendita: tra Rimini e Piacenza c’è un negozio ogni 60 persone, situazione nettamente positiva rispetto alla media europea. In particolare, analizzando le superfici per la grande distribuzione, l’Emilia Romagna si ferma per gli ipermercati a 46mq ogni 1.000 abitanti contro i 60 mq di Germania e Spagna e i 112 mq della Francia.
Nel biennio 98/ 2000 sono aumentate, anche se di poche unità, tutte le tipologie di negozi: esercizi di vicinato, medio- piccoli, medio- grandi e grandi. L’offerta di esercizi commerciali, soprattutto di medie dimensioni, è aumentata anche nei comuni di montagna; l’andamento non è comunque omogeneo in tutto il territorio. I dati dell’Osservatorio regionale registrano infatti da un aumento di 300 esercizi a Forlì Cesena alla flessione di 150 a Rimini e Ferrara.
Analizzando l’andamento d’iscrizioni e cancellazioni, emerge infine un ulteriore dato interessante: le chiusure hanno superato le aperture per i negozi con un unico punto vendita (2.977 contro 2.568) mentre sono risultate inferiori per le unità locali appartenenti a gruppi.(1.368 contro 1.829). Parallelamente allo stop della emorragia degli esercizi, è in atto quindi una trasformazione del sistema commercio, in base alla quale emergono le imprese più strutturate ed articolate, con un alto tasso di specializzazione, mentre calano quelle con un solo punto vendita.

Per Alberto Rossini, direttore della Confcommercio di Rimini, le pubbliche amministrazioni potrebbero fare molto di più per il commercio. “E’ il motore della nostra economia- sottolinea- e se non dovesse fare i conti tutti i giorni con problemi quali l’abusivismo commerciale, potrebbe vantare un incremento ben maggiore”. Ma, secondo Alberto Rossini alla luce dei dati dell’osservatorio regionale, qual è la situazione di Rimini?

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454